shopify
analytics ecommerce

Viaggio nella prostituzione low cost: andare a negre.

Viaggio nella prostituzione low cost: andare a negre.

Diciamocelo chiaro e tondo: Ryanair non ha inventato nulla di nuovo. Ha soltato declinato la vocazione di alcune donne nel prostituirsi a basso costo associando la natura del servizio al trasporto aereo.

Niente di cui meravigliarsi dunque, quando se per una notte anzichè la nostra prostituta nostrana o la bella ungherese, preferiamo una più selvaggia prestazione sessuale con una nigeriana.

Secondo una mia analisi di mercato svolta direttamente sul campo, pare che le donne di colore costino mediamente il 36,5% in meno rispetto alle colleghe bianche, non male.

Un servizio low cost che chiaramente va interpretato come media campionaria: si sa, ci sono escort di colore mozzafiato che costano l’ira di Dio, perle rare che hanno la capacità di ammaliarci con i loro sguardi da maialone.

Certo è che, in una congiuntura economica sfortunata come questa, sapere di poter contare su prestazioni sessuali in cifre intorno ai 10 euro non è male, ma ci sono garanzie?

In effetti molte prostitute low cost, provenienti da Nigeria e dal Cameroon, offrono servizi non paragonabili alle colleghe più blasonate provenienti da Romania e Moldavia: su questo non c’è dubbio.

Speriamo che le aziende che gestiscono amabilmente il traffico di esseri umani sappiano insegnare a queste ragazze la nobile arte del sesso senza tener conto dei tagli di budget. Diavolo d’una crisi!

I manuali di Blog Seduzione

seduzione-passiva