shopify
analytics ecommerce

La vita sessuale dei camionisti e il loro rapporto con la prostituzione

La vita sessuale dei camionisti e il loro rapporto con la prostituzione

Pochi giorni fa abbiamo parlato dei lavori e dei luoghi di lavoro dove scopare sembra più bello e rilassante. Oggi parliamo di una categoria di lavoratori che non hanno molto tempo da dedicare al sesso; parleremo infatti dei camionisti, categoria che è costretta a fare turni massacranti e a guidare per notti intere senza mai fermarsi. Parleremo del rapporto che hanno con il sesso, ma parleremo anche di come considerano la prostituzione e se, visto che lavorano moltissimo di notte, la sfruttano.

Possiamo iniziare dicendo che la vita sessuale di un camionista medio è abbastanza fiacca. Fare questo tipo di mestiere infatti comporta delle rinunce anche abbastanza importanti, stare via da casa per parecchio tempo, girare per strade sconosciute e molte volte non potersi neanche fermare per poter schiacciare un sonnellino. Ovviamente non passando molto tempo a casa non si può fare sesso regolarmente, e di conseguenza molti autotrasportatori sono costretti a rimanere a digiuno dal sesso anche per parecchie settimane.

Ovviamente sto parlando dei camionisti che hanno una famiglia a carico, con mogli e figli da dover mantenere, ma soprattutto di bravi padri di famiglia che tengono davvero profondamente al rapporto con la propria donna e non ci pensano minimamente a tradirla. C’è però un’atra parte di questi lavoratori che non si comporta esattamente come i loro colleghi “buoni”, non che i camionisti di cui parleremo adesso siano cattivi, per carità, semplicemente vivono la vita, e di conseguenza il loro lavoro, in maniera totalmente diversa e possiamo dire innovativa.

La vita sessuale di questi “camionisti del nuovo millennio” è veramente una vita senza regole ne pause. Stiamo parlando in particolare di coloro che fanno le tratte notturne, che in molti casi, scelgono di prendersi delle sieste molto particolari con ragazze molto disponibili. Come in tutti i sondaggi e le indagini di Blog Sesso vi racconterò una storia molto particolare, di un camionista pugliese, che molto gentilmente ci ha fatto entrare dentro la sua casa, ovvero la cabina del suo camion e dove con grande stupore abbiamo potuto ammirare una cosa mai vista prima. 

All’interno di essa, infatti, abbiamo visto che lui aveva costruito per rilassarsi e riposarsi dopo ore e ore di guida nella notte, un tempietto dedicato al kamasutra dove lui ospita le prostitute che cercano di accontentarlo nella migliore maniera possibile. Parlando con lui ci ha confidato di essere un uomo divorziato, che ha dedicato tutta la sua vita al suo camion e alla strada, e che come tutti gli uomini sente la necessità di fare sesso, giustamente, e ha scelto questo posto molto originale per soddisfare le sue voglie sessuali da camionista.

Il rapporto che hanno in generale i camionisti hanno con le prostitute, è molto particolare, infatti sono due mestieri, anche se fare la lucciola non si può considerare un mestiere idilliaco e regolare, che si svolgono di notte, sono potremo dire quasi colleghi, vedono le stesse cose, vivono la notte e provano le stesse paure. Quindi capita che si incontrino spesso e molte volte succede che in cambio di una notte al caldo all’interno di una cabina di un camion queste ragazze offrano prestazioni sessuali gratuite ai proprietari di essa.

Possiamo quindi affermare che non è come il classico rapporto tra i normali clienti e le prostitute, c’è un rapporto più umano, anche se ovviamente quando si fa sesso sappiamo che i camionisti sono famosi per prestazioni molto animalesche, ma comunque al di fuori della prestazione in se trattano molto meglio di quanto pensiate le prostitute.

In conclusione si può dire che chi fa la vita di strada deve trovare il modo di fare sesso, perchè il sesso fa bene e rende anche più produttivi sul lavoro ricordatevelo, ovviamente la categoria di cui abbiamo parlato oggi fa il sesso a modo suo, in posti molto scomodi e non proprio ideali per fare determinate cose, ma comunque lo fa, come tutti gli esseri umani ed è questa una delle cose che ci accomuna tutti, fare sesso indipendentemente dal lavoro, dalla razza o dal luogo, l’importante e farlo sempre in maniera sana e sempre dando il massimo.

I manuali di Blog Seduzione

seduzione-passiva