shopify
analytics ecommerce

“MANUALE D’AMORE 3”: talmente brutto da spingere al suicidio 4 spettatori.

“MANUALE D’AMORE 3”: talmente brutto da spingere al suicidio 4 spettatori.

Ieri sono andato al cinema a vedere Manuale d’Amore 3 con due topolone e il buon Renato Bellini. Tutti molto gasati, ci avviamo nella sala con il sorriso stampato sulle labbra.

Renato con la sua consueta eleganza ha iniziato a limonare duro con la sua pollastra, mentre io urlavo “oh ma quando inizia sto film?“: non ritengo accettabile che ci sia tutta sta pubblicità prima della proiezione.

Inizia il film e come commedia all’italiana va anche bene, perchè qualche risata ce la siamo fatta. Il problema è che abbiamo riso non per le battute, ma per la pateticità del film.

1) PUBBLICITA’ OVUNQUE

Dall’inizio alla fine, è una sequela di spot pubblicitari della Volkswagen: Scamarcio con la Golf, Emanuele Propizio con la Golf Plus, Carlo Verdone con la Touareg e Monica Bellucci con la Polo.

Un contadino è vestito come se fosse un modello della Levi’s, mancava che avesse anche la cartellonistica pubblicitaria in casa, mentre ai bar la Birra Moretti sembra abbia il monopolio del mercato.

2) FANTASIA ZERO

Non che l’amore ci annoi, ma la rappresentazione che ne dà il film è di un piattume scandaloso: praticamente tutti i protagonisti del film si trombano una zoccola, ma solo De Niro non si pente perchè vedovo.

Non c’è un momento nel corso della proiezione in cui capiti qualcosa di imprevedibile e alcune situazioni, come quella in cui Scamarcio non dichiara il tradimento, sembrano una presa in giro.

3) SCENE IMBARAZZANTI

La scena in cui Robert De Niro fa lo spogliarello davanti alla Bellucci, spinge qualsiasi uomo dotato di un minimo di cultura cinematografica a pregare che Sergio Leone non si stia rivoltando nella tomba.

Ma pensare che De Niro abbia fatto film come “C’era Una volta in America” fa male, ed allora ci si cerca di autoconvincere che quello sia solo un sosia, alle prime armi con il cinema.

4) TRAMA SCRITTA DA UN BAMBINO DELL’ASILO

Episodio uno: Scamarcio recita la parte di un giovane avvocato che tradisce sua futura moglie con una zoccola (Laura Chiatti) ma poi si pente perchè capisce che era una zoccola.

Episodio due: Carlo Verdone recita la parte di un giornalista del TGLa7 e viene mollato da moglie e figlia quando dichiara loro di aver fatto sesso con una ninfomane psicopatica.

Episodio tre: Robert De Niro recita la parte di un vecchio archeologo che prima si tromba la figlia (Monica Bellucci) del suo migliore amico (Michele Placido) e poi scappa a Vulcano per metterla in cinta.

5) NOTA POSITIVA

Il film finisce e noi siamo ancora vivi. Ci dispiace per i 4 ragazzi della fila dietro che non ce l’hanno fatta e si sono tagliati le vene. Noi con qualche antidepressivo cercheremo di superare lo shock.

 

 

 

I manuali di Blog Seduzione

seduzione-passiva