shopify
analytics ecommerce

Regole di approccio alla fermata del bus, Masi in lingua originale.

Regole di approccio alla fermata del bus, Masi in lingua originale.

NOTA: DaUomo comunica che l’articolo odierno dell’autore Rosario Masi non è stato regolarmente tradotto e modificato dal relatore Tiziano Amendola. Ci scusiamo per il disagio.

Buongiorno belli volponi, oggi ho andato a prendere i pumman e ho fisto tante belle racazze e mi ho detto: io ci provo che me le voglio trompare. Oh oh oh!

I regola fondamentali da seguire è essere molto etucati e afere un approccio come che tu sei gentile e poi lei dice “oh com’è brafo, quasi quasi me lo faccio questo bel maschiettone“. Profare per cretere.

Bella topolona, bruna, alta e con i tacchi, quello che ci vuole per uno spuntino pomeridiano a base di patata bollita: mi avvicino e le dico “scusi, me l’annusi??”.

Lei esternefatta, si allontana porpottando frasi di chi sembra vagamente spaventata e inizia ad allungare il passo per fuggire alle mie lusinghie: eppure ero stato carino, dandole del lei. Mica lo stuprisciata!

Ma lei no, fugge da me come se sarei un uomo poco raccomandabile. D’altronde a 49 anni ne ho vissute di esperienze, una che ne ha 30 in meno di me ha solo da imparare.

Eh, questi ciovani, che non sanno più quali sarebbero i valori. Per fortuna che c’è Berluscona che tiene alto sembra la bandiera che ci fa fetere che la vecchietà è solo anagrafica che io mi sento ciovane lo stesso.

Ma la prossima volta che vedo la ragazza ci dico a lei “tu hai stata molto maleducata, neanche un ficco con me, stupida cretina igniorante”. Ce l’ho detto, da vero uomo!

 

I manuali di Blog Seduzione

seduzione-passiva