shopify
analytics ecommerce

Tecniche per conoscere una topolona ad un aperitivo.

Tecniche per conoscere una topolona ad un aperitivo.

Non badate troppo al titolo di quest’articolo, volutamente elegante. In realtà il verbo “conoscere” andrebbe sostituito con “rapportarsi sessualmente”. Ma poi la gente dice che io sia poco raffinato.

Cari lettori, quante volte vi è capitato di sorseggiare il vostro mojito ed essere distratti dalla maialona di turno del tavolo a fianco? Eh eh, ve la sognate ancora, tutta scosciata a succhiare la cannuccia!

E pensare che vorreste che succhiasse altro, ma non vi preoccupate. Con un po’ di determinazione, seguendo i miei consigli, lei non aspirerà ad altro che a stare con voi. Ecco cosa fare.

Innanzitutto guardatela bene, non vorrei che alla fine di tutto questo casino viene fuori che è un cesso. Molte ragazze da sedute appaiono per quello che non sono, fate attenzione.

Appurato che meriti le nostre lusinghe, avvicinatevi al suo(loro) tavolo chiedendo di poter prendere una sedia. Così facendo ottenete due cose 1) saprà che esistete 2) saprete se aspetta(no) qualcuno.

Cosa fare se non ha(nno) sedie superflue? Facile, avvicinatevi chiedendo il tavolo. Afferratelo come chi sta per portarselo via e loro avranno un’espressione sbigottita. Palesate subito stiate scherzando.

Una scena del genere è meglio adoperarla se in precedenza già altre persone avevano portato via qualche sedia, in maniera tale da rendere la situazione ancora più comica. Eh eh.

Se invece non avete modo di compiere queste gesta perchè di sedie libere ce ne sono a volontà, avvicinatevi chiedendo loro delucidazioni sul locale. Per esempio se è frequentato da Gianni Morandi.

Lei vi guarderà con aria sbigottita e poi preciserete che vi pare di averlo visto in bagno mentre facendo pipì canticchiava “fatti mandare dalla mamma”. Lei riderà e inizierete ad interloquire.

Se invece non vi piace apparire ridicoli, scontato è il commento “scusa, è buono i tuo cocktail, cos’è?”. A quel punto però sarete più prevedibili, peraltro dimostrando ben poca fantasia.

Infine, un’altra tecnica di approccio, è fare l’eroe per caso. Se il locale è pieno di gente, fingete che intorno al tavolo ci sia un maniaco sessuale e avvicinatevi a lei avvertendola della situazione.

Lei vi chiederà delucidazioni e dovrete precisare che è un pericoloso molestatore. Una scena da film dove voi sarete il supereroe in grando di salvare la fanciulle dalle grinfie del male. Dopo la favola, tutti a letto.

I manuali di Blog Seduzione

seduzione-passiva