shopify
analytics ecommerce

Tra mito e realtà: la cosiddetta “spagnoletta”.

Tra mito e realtà: la cosiddetta “spagnoletta”.

Noto intorno a me tanta ignoranza nei confronti di un tema così importante come la spagnola, chiamata in Francia “branlette espagnole” o in Spagna “cubana”.

Innanzitutto, scordatevi che la si possa fare se la fanciulla ha meno di una terza abbondante di seno. O almeno, la cosa diventa a tal punto complessa da far venir meno la libido, meglio lasciar perdere.

La frase “non importa quanto sia grande, l’importante è saperlo usare” non ha nessuna fondatezza per il pene, figuriamoci per le tette delle femmine. Sono dicerie messe in giro da qualche sottodotato.

Punto secondo, anzichè distendersi, molto meglio sedersi a bordo del letto e farla inginocchiare davanti. A quel punto ve lo fate stringere attorno al pene, magari con l’ausilio orale a intervalli regolari.

Altro elemento di assoluta importanza è chi stringe le mammelle. In assoluto è preferibile che sia la donna, ma purtroppo non in molte sono capaci di riprodurre l’effetto della vagina.

Sarete dunque voi a prendere le redini, anzi, le tette del gioco, fino alla giusta ricompensa per lo sforzo profuso. Ah, potete usare come lubrificante la saliva della donna: provare per credere.

I manuali di Blog Seduzione

seduzione-passiva