shopify
analytics ecommerce

Ucraina: manifestazione per i diritti femminili, ma non è reato?

Ucraina: manifestazione per i diritti femminili, ma non è reato?

Dove andremo a finire, amici miei! In Ucraina alcune donne hanno manifestato nei balconi di alcuni edifici, per protestare contro le disposizioni introdotte dal Comune di Kiev per gli Europei.

Pare infatti che il sindaco della città abbia introdotto alcune norme corpontamentali da rispettare nei pressi degli stadi durante gli europei di calcio, in modo tale da dare un’immagine più fresca dalla città.

Secondo i nuovi regolamenti, le donne saranno costrette a stirare le camicie nei balconi e prostituirsi gratuitamente ai passanti che provengono dall’Italia e dal resto d’Europa.

Tutto giusto, per un Paese da sempre accogliente come l’Ucraina, se nonchè queste zozze hanno iniziato a manifestare il loro dissenso, provocando enormi turbamenti nella civile società ucraina.

E’ proprio vero, gli dai la mano e si prendono il braccio, gli dai il fallo e si prendono la gamba. Queste femmine 100 anni fa non potevano votare, oggi esprimono addirittura il loro dissenso. Ma è permesso tutto ciò?

Il mio augurio è che le donne tornino a fare ciò che meglio gli compete: stare dietro ad una vetrina e stirare le camicie, in attesa che qualche cliente si avvicini per chiedere loro quanto vogliano.

I manuali di Blog Seduzione

seduzione-passiva